RSS RSS Feed
Categoria↓
Editoriali
Materia↓
Enti Locali
Federalismo
Regione
Temi dello Statuto

Statuto del Veneto: è tempo di futuro

di Luca Zaia 
Presidente della Regione del Veneto
    
Pubblicato nell'edizione n. 3 del 2011



Download PDF
Di Luca Zaia
 
Con l’approvazione dello Statuto è il popolo veneto ad aver vinto. Ne è segno innanzitutto l’unanimità con la quale è stato votato, frutto di uno sforzo comune di tutte le istituzioni regionali e di tutte le forze politiche, dei comuni, delle province, dei singoli consiglieri e assessori. Si tratta di una carta fondamentale dei diritti e dei doveri che apre una stagione di modernità e che guarda lontano, costituendo l’intelaiatura di un nuovo Veneto i cui cardini sono l’autonomia, la sussidiarietà, la responsabilità, l’efficienza. E voglio ringraziare il presidente e il vicepresidente della Commissione statuto e regolamento, Carlo Alberto Tesserin e Sergio Reolon, per il loro lavoro, per la pazienza e la tenacia con le quali lo hanno portato avanti.
Sin dai principi in esso enunciati, lo Statuto dimostra il suo carattere innovativo pur nel solco della Costituzione repubblicana, di cui non solo rispetta lo spirito ma cerca di liberare le potenzialità ancora, troppo spesso, inespresse, non ultimo in materia di autonomia finanziaria. Sono state fatte scelte coraggiose, in alcuni casi anticipando possibili soluzioni a questioni poste a livello nazionale.
 Per questo siamo convinti che esso non sia soltanto la nuova carta dei veneti e di chiunque abbia con il territorio un legame particolare, ossia un progetto di vita legato alla regione: lo Statuto rappresenta un punto di riferimento per una concezione moderna, federalista, autonoma, responsabile dello Stato e del suo rapporto con i cittadini.
Come qualcuno ha rilevato, la stagione statutaria non conclude il percorso. C’è ancora molto lavoro da fare, insieme. Ma è tempo di farlo, è tempo di decidere quale futuro vogliamo scrivere per noi e per le generazioni future, e di fare in modo di realizzarlo concretamente.
Anche per questo, alcuni dei protagonisti di quella straordinaria avventura che ha portato alla nascita dello Statuto, insieme ad autorevoli costituzionalisti, hanno voluto dare il proprio contributo alla sua interpretazione dalle pagine del Diritto della Regione.

Commenti (0) | Scrivi